IL CONTRIBUTO DI AMIRA AL BIT 2020 A MILANO “La gestione delle risorse umane”

Lunedì 9 febbraio una delegazione AMIRA capitanata dal presidente Valerio Beltrami era presente a Milano BIT – la Borsa Internazionale del Turismo, storica manifestazione organizzata da Fiera Milano che dal 1980 porta nel capoluogo lombardo operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo.

Da oltre trent’anni BIT favorisce l’incontro tra decision maker, esperti del settore e buyer accuratamente selezionati e profilati, provenienti dalle aree geografiche a più alto tasso di crescita economica e da tutti i settori della filiera.

Un evento che è anche formativo con oltre un centinaio tra convegni e seminari sulle ultime tendenze di settore. Ed è esattamente nella giornata di Lunedì 9,  che si è tenuto un incontro presso l’area BIT4JOB; il tema molto attuale riguardava “La gestione delle risorse umane”. Relatori del convegno Valerio Beltrami, che ha parlato delle problematiche nel reperire personale di sala qualificato, Giacomo Rubini con il tema delle valore delle donne nell’arte dell’accoglienza, che ha avuto modo di presentare il 5ª edizione del concorso       “ Le donne nell’arte del Flambé”, dove ha elogiato la sentita collaborazione del comune di Grado, della fondazione Carigo, e della regione Friuli Venezia Giulia. Ultimo intervento è stato di Giorgio Bona che ha trattato l’importanza del team di sala e cucina nella ristorazione moderna.

Quest’ultimo intervento è stato ben accolto dalle persone presenti, che hanno condiviso il pensiero AMIRA nel valore ma anche nella difficoltà oggi di creare e formare un team di sala, un argomento che mi auspico di poter trattare in un convegno o tavola rotonda insieme ad associazioni di categoria che rappresentino gli imprenditori. E’ con loro che bisogna iniziare un dialogo, forse è giunto il momento non solo di formare il personale ma anche di chi lo assume e lo gestisce, perché capisca quanto nel settore alberghiero e nella ristorazione sia ancora importante il fattore umano e la professionalità. Un fattore, che non può portare altro che benefici e fatturato alle aziende. 

NUOVO DIRETTIVO SEZIONE PIEMONTE ORIENTALE

Il giorno 30 gennaio presso il ristorante L’Armonica a Tradate, del nostro associato Rango Diego, si è svolta l’assemblea per il rinnovo delle cariche di sezione presieduta dal Gran Maestro della ristorazione Patrone Luigi. Giorgio Bona passa il testimone della carica di Fiduciario, dopo otto anni di mandato, a Silvia D’Ilario con la quale comunque continuerà a collaborare mantenedo l’impegno di tesoriere di sezione. La squadra del direttivo vede anche Ferlini Giuliano come vice fiduciario e addetto alla formazione,  Rango Diego come segretario e Maestro dei Vini, Sartoretti Massimo come addetto stampa, Bonetto Vallì delegata Amirine. Una squadra che si ripromette di portare avanti un programma ormai consolidato verso la formazione dei giovani e la collaborazione con le scuole alberghiere. Altro punto di forza sarà anche la realizzazione del 1° corso sul vino,  per la formazione del Maitre Sommelier.

Un augurio a tutta la squadra di buon lavoro  è arrivato dal Presidente Nazionale dell’AMIRA Valerio Beltrami, anche lui presente all’assemblea, essendo la sua sezione di appartenenza.

CENA DEGLI AUGURI 2019

Lunedì 16 dicembre, presso il ristorante Sartoria del nostro socio sostenitore  Mauro Tosetti, si é svolta la cena degli auguri della sezione Piemonte Orientale. Il locale, inserito nell’Hotel Agorà palace di Biella, offre un nuovo concept di offerta ristorativa; un mix perfetto tra ingredienti di alta qualità, interpretazione innovativa dello chef e libertà di creare un’esperienza su misura per il proprio appetito: tutto questo è Sartoria. Come dice la loro presentazione: – dimenticate antipasti, primi e secondi piatti;  troverete il giusto equilibrio tra la vostra fame e la voglia di togliervi qualche sfizio, perché il menù lo costruite voi – nelle dimensioni e nel prezzo – componendolo tra un’ampia scelta di bottoni e piatti gourmet, da gustare nel nostro elegante salotto accompagnati da un cocktail preparato ad arte o un ottimo calice di vino –

Durante la serata la nostra sezione ha avuto modo di festeggiare il successo ottenuto da D’Ilario Silvia come Maitre dell’anno, all’ultimo congresso di Siracusa, oltre l’onorificenza di Gran Maestro della ristorazione ricevuta da Giuliano Ferlini. Come sempre il Presidente Valerio Beltrami  onora con la sua presenza  la sua sezione di appartenenza. Purtroppo tanti soci non hanno potuto partecipare perché impegnati con il lavoro o con le proprie attività, ma questo non vuol dire che la nostra sezione non sia unita e coesa nel portare avanti l’immagine del lavoro di sala. Durante la serata si sono buttate le basi per nuovi programmi e impegni che diano lustro e immagine all’AMIRA.

Un augurio a tutti per un sereno natale e un nuovo anno pieno di soddisfazioni professionali.

Giorgio Bona – Fiduciario Piemonte Orientale.

 

 

L’AMIRA OSPITE DEL PROGRAMMA TELEVISIVO “ANTONINO CHEF ACCADEMY “ 

Il cooking show condotto da Antonino Cannavacciuolo su Sky Uno, ha visto nella serata di martedì 26 novembre la partecipazione di una delegazione dell’AMIRA capitanata dal nostro presidente Valerio Beltrami. Girato nell’Aula Magna del Castello Dal Pozzo di Oleggio Castello (No), lo show, che va in onda tutti i martedì alle 21.15 vede anche dei test fuori sede. E’ qui  è entrato in “gioco” il nostro presidente, che  nel cuore di Milano, al Savini, emblema della ristorazione meneghina, ha guidato gli allievi nei segreti dei servizio di sala. Particolarmente apprezzato per la sua classe e professionalità, Valerio Beltrami ha illustrato agli aspiranti chef una serie di servizi al tavolo, come la preparazione di un piatto alla lampada, il servizio in sala della frutta, la pulitura di un pesce. Prove non semplici, ma adeguate  alle ambizioni dei giovani in gara.

I dieci partecipanti alla selezione, tutti giovani professionisti di cucina, ridotti a otto per la terza trasmissione, dopo che Valerio Beltrami ha spiegato e dimostrato come si realizza una mise en place, a partire dal mollettone ben stirato per arrivare alla preparazione di una tartare davanti all’ospite seduto a tavola, idem come si spina un rombo o come si prepara una crêpe suzette al flambé, si sono esibiti a loro volta davanti a 16 professionisti rappresentanti della nostra associazione che si sono seduti a quattro tavoli. Cannavacciuolo è uno degli Chef meglio preparati della sua generazione ed è fermamente convinto del ruolo strategico che la sala svolge in un ristorante. Da qui l’importanza anche per i cuochi di conoscere come si volge il servizio in sala. La puntata è stata registrata al ristorante Savini di Milano, in Galleria Vittorio Emanuele, dove è nata l’Amira tanti anni fa. Questa coincidenza ci fa sperare che proprio dal Savini possa nascere una nuova era per la sala e che si ritorni a considerare il servizio parte importante di una buona ristorazione.  Purtroppo c’è un problema di comunicazione. Si parla soprattutto di cucina, assai poco della sala. I mass media si sono focalizzati sugli chef dimenticando che chi accoglie in sala è il maître, è il maître che crea l’atmosfera nella quale i commensali consumano la loro esperienza enogastronomica, è il maître che vende i piatti e valorizza l’attività dello chef. E’ il maître che a seconda del momento e della tipologia di ristorante crea lo spettacolo della sfilettatura di un rombo, della preparazione davanti all’ospite di una tartare, della preparazione di un primo come di un dessert utilizzando la lampada, al flambé. Un ringraziamento e doveroso per lo chef Antonino Canavacciuolo, uno chef che ha sempre creduto nel servizio di sala, basta sedersi al suo ristorante di Villa Crespi per capirlo. Speriamo che questo sia solo un’inizio, la nostra società vive un periodo dove i giovani guardano più ai MassMedia che alle persone con esperienza per fare le loro scelte, e allora l’AMIRA deve scegliere i canali giusti per raggiungere questi giovani e portarli ad innamorarsi ancora della professione di sala e capire che quello che offre va oltre i sacrifici che chiede.

Giorgio Bona Fiduciario AMIRA Piemonte Orientale